Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Trattamento: BIORIVITALIZZAZIONE E BIOSTIMOLAZIONE per il trattamento dell’invecchiamento cutaneo di viso, collo, decolletè e mani.

Parole chiave: (BIORIVITALIZZAZIONE, BIOSTIMOLAZIONE, invecchiamento cutaneo, viso, collo, decolletè, mani, Polidesossiribonucleotide, Acido ialuronico, Aminoacidi, Complessi vitaminici, Fattori di crescita piastrinici, Sostanze omeopatiche, Cagliari , Quartu Sant' Elena , Sardegna)

 

BIORIVITALIZZAZIONE E BIOSTIMOLAZIONE

In breve


La BIORIVITALIZZAZIONE E BIOSTIMOLAZIONE hanno lo scopo di reintegrare i normali costituenti del derma quali amminoacidi, zuccheri, glicosamminoglicani e di ripristinare un ambiente idoneo affinche i fibroblasti possano lavorare nelle migliori condizioni possibili. Sono quindi trattamenti che mirano a rallentare l'invecchiamento cutaneo (crono e fotoinvecchiamento).



 

Le patologie e gli inestetismi che possono essere trattati sono:

  • Invecchiamento cutaneo (crono e fotoinvecchiamento) di viso, collo, decolletè, mani.
  • Striae distensae (smagliature)
  • Piccole cicatrici depresse

 

 

Aree che possono essere trattate:
Tutto il corpo. In particolare viso, collo, decolletè, mani.

 

Quali risultati si possono ottenere:

Pelle di aspetto compatto ed elastico con aumento della luminosità del viso e una riduzione della profondità delle micro-rugosità (pelle liscia), un ripristino dei volumi e un riequilibrio funzionale dei costituenti del derma.

 

Vantaggi:

  • Indolore: il trattamento è ben tollerato, non prevede anestesia
  • Può essere associato a altri trattamenti (botulino, filler, peeling)
  • Effetti collaterali pressochè nulli: possono essere effettuate su qualsiasi paziente.
  • Dopo la seduta si possono riprendere immediatamente tutte le normali attività.

Svantaggi

  • Evitare l'esposizione solare diretta fino a che il rossore, il gonfiore e gli ematomi sono evidenti
  • Reazioni comuni ad una normale iniezione: edema, eritema, prurito, dolore e sensibilità nei punti di iniezione.
  • Risultati visibili dopo un ciclo di trattamenti (consigliate 3-4 sedute)

FORUM: rispondiamo a dubbi, curiosità, quesiti su questa metodica sul forum del nostro sito:

CLICCA QUI per accedere al FORUM

FOTO



Approfondimento su BIORIVITALIZZAZIONE E BIOSTIMOLAZIONE per il trattamento dell’invecchiamento cutaneo di viso, collo, decolletè e mani.

 


Introduzione anatomica
Il connettivo
I Tessuti Connettivi hanno funzione di supporto strutturale e metabolico per altri tessuti ed organi in tutto il corpo.
In particolare: rivestono i vasi, mediano lo scambio di nutrienti e metaboliti, rivestono gli organi, supportano la pelle ed i tendini, sono impalcatura dello scheletro, riserva di grasso,mediano la difesa immunologica, aiutano la riparazione dei tessuti.
I Tessuti Connettivi sono formati da:

  • Matrice extracellulare
  • Cellule

La proporzione di ciascuna componente varia a seconda del tipo di tessuto connettivo considerato

La Matrice Extracellulare e formata da:

  • Sostanza Fondamentale: dà resistenza alla pressione (gel idratato)
  • Fibre: Fibre Collagene, Fibre Reticolari, Fibre Elastiche che danno elasticità e resistenza alla trazione. Sono formate da aminoacidi e zuccheri.

La Sostanza Fondamentale si presenta come un gel semi-solido altamente idratato composta principalmente da:

  • Glicosaminoglicani (GAGs)
  • Proteoglicani
  • Glicoproteine strutturali

I Glicosaminoglicani (GAG) sono lunghe catene polisaccaridiche formate dalla ripetizione di disaccaridi (zuccheri) es Acido Ialuronico (P.M. fino a un milione Dalton). Sono molecole in grado di legare molte molecole di acqua, e quindi responsabili del turgore del tessuto e della diffusione dei nutrienti e dell’ossigeno.

I Proteoglicani sono catene di GAG unite covalentemente ad un asse proteico

Le Glicoproteine strutturali sono catene proteiche (formate da amnoacidi) alle quali si legano catene ramificate di monosaccaridi (zuccheri)

I Fibroblasti sono le cellule più ubiquitarie nel connettivo. Producono il collagene, l'elastina e la sostanza fondamentale

I Mastociti hanno funzione di difesa (Reazioni di iper-sensibilizzazione immediata. Allergie)
I Macrofagi o istiociti hanno funzione di difesa (Fagocitano residui e li degradano attraverso i lisosomi
Le Plasmacellule hanno funzione di difesa (risposta immunitaria, Produzione e rilascio delle IgG)

Il Tessuto Adiposo ha funzione di riserva energetica, protezione, termica etc.
 
Come agiscono la BIORIVITALIZZAZIONE E BIOSTIMOLAZIONE
Il nostro connettivo è formato da amminoacidi e zuccheri. I fibroblasti hanno la funzione di organizzare questi componenti per produrre le proteine strutturali e i glicosamminoglicani necessari per il mantenimento di una pelle giovane, luminosa, idratata.
L'invecchiamento cutaneo causa una perdita di queste sostanze, una riduzione e disorganizzazione delle fibre collagene ed elastiche, una riduzione della sostanza fondamentale della matrice extracellulare e un malfunzionamento/morte dei fibroblasti (ridotta attività metabolica).

La BIORIVITALIZZAZIONE E BIOSTIMOLAZIONE hanno lo scopo di reintegrare amminoacidi, zuccheri, glicosamminoglicani e ripristinare un ambiente idoneo affinche i fibroblasti possano lavorare nelle migliori condizioni possibili.


Nello specifico BIORIVITALIZZAZIONE E BIOSTIMOLAZIONE mirano a:

  • ripristinare l'attività metabolica dei fibroblasti
  • aumento ac. ialuronico con conseguente idratazione
  • aumento fibre collagene
  • miglioramento funzionalità delle fibre elastiche


Tutto ciò permette un “Recupero” del turgore, della elasticità, della luminosità delle pelle, una attenuazione delle rughe, un ripristino dei volumi e un "Riequilibrio funzionale” dei costituenti del derma

INDICAZIONI: invecchiamento cutaneo (crono e fotoinvecchiamento).

Come si svolge la seduta:

Materiali/Strumenti:
Siringhe, aghi, cannule, farmaci o dispositivi medici
I farmaci o i dispositivi medici utilizzati sono: Polidesossiribonucleotide, Glucosamina solfato, N‐acetilcisteina, Acido ialuronico, Aminoacidi, Complessi vitaminici, Fattori di crescita piastrinici, Sostanze omeopatiche.
L’acido ialuronico utilizzato per la biorivitalizzazione si differenzia da quello utilizzato per il filler per la maggiore fluidità, inferiore peso molecolare e riassorbimento più rapido.

Tecnica:
Si struccare, si detergere e si disinfetta la zona da trattare.
Si prepara la siringa con i farmaci o dispositivi medici adeguati.
Il contenuto della siringa viene iniettato nella zona da trattare, poco per volta, con microiniezioni a livello del derma superficiale, mediante aghi sottilissimi. Le quantità per ciascun punto e il numero dei punti variano a seconda dell’area da trattare e della tecnica da utilizzare.
Si applica una crema idratante ed emolliente e si massaggiano con i polpastrelli i punti trattati

Durata: in relazione all'estensione dell'area da trattare. In media da 15 ai 30 minuti.


Quali zone possono essere trattate
Tutto il corpo ma in particolar modo: viso, collo, decolletè e mani.


Dolore: il trattamento è ben tollerato, non prevede anestesia, anche se può risultare un fastidioso per alcuni pazienti.

Dopo il trattamento:
Evitare attività fisica intensa per 6 ore, Evitare il sole fino a che il rossore, il gonfiore e l’ecchimosi sono evidenti, Evitare alcolici, Evitare farmaci antinfiammatori non steroidei, Evitare il trucco nelle 12 ore

Sedute successive:
La cadenza può essere da 1 a 4 settimane. Nella fase iniziale è consigliabile concentrare le sedute al fine di implementare l’efficacia del trattamento. E’ possibile intervallarle con sedute di altri trattamenti (botulino, filler).
 
Risultati finali
I risultati sono normalmente visibili in breve tempo. Consistono in una pelle di aspetto compatto ed elastico con aumento della luminosità del viso e una riduzione della profondità delle micro-rugosità (pelle liscia).

Rischi e Controindicazioni
La biorivitalizzazione e la biostimolazione non hanno controindicazioni e possono essere effettuate su qualsiasi paziente.
Le sostanze utilizzate sono riassorbibili e non dà problemi di allergia. La procedura non lascia generalmente segni e gli eventuali arrossamenti, dovuti alle microiniezioni, sono in genere di lieve entità e di durata molto breve.
Si possono verificare reazioni comuni ad una normale iniezione che durano da poche ore a 12-24 ore. Queste, possono comprendere: edema, eritema, prurito, dolore e sensibilità del punto di iniezione.